Di amiche ritrovate e nuove arrivate…

Le amicizie sono importanti, più di quanto possa esserlo un partner, talvolta.
Di questo ne sono sempre stata convinta.
In teoria, un amico/a è per la vita. Insieme si affrontano e condividono gioie, dolori, drammi e follie. Un partner… beh, diciamo che il “per sempre” che tutti ci auguriamo non sempre risulta tale. Ma non è d’amore che voglio star a disquisire.

Negli anni, ho perso tante amiche.
Per scelta, mia o loro, per via del caso, per litigi.
Qualcuna è tornata, qualcuna no. Ciò che è sicuro è che niente è più stato lo stesso.
Un’amica ti cambia, anche quando attraversa solo fugacemente la tua vita. Ti insegna qualcosa su se stessa, su te stessa.

Io ed M. siamo amiche da più di 20 anni.
Ce ne siamo fatte di tutti i colori.
Ero una bambina solitaria, figlia unica. Da piccina, cercavo disperatamente l’amica del cuore e l’avevo trovata in lei. Nonostante il legame forte, le vacanze passate assieme e gli infiniti pomeriggi passati a cantare le canzoni di Mariah Carey e Whitney Houston, è arrivato l’immancabile momento in cui IO diventa più importante del NOI.
E così i primi litigi, per i ragazzi, ovviamente.
Io subivo passivamente. Timorosa di perdere la sua amicizia.
Passo dopo passo, abbiamo iniziando ad allontanarci. Litigavamo per poi far pace, ma niente era come prima.
Mancava la fiducia.
E in quel caso, nemmeno un immenso affetto può rimediare.
Sembrerà assurdo, ma nonostante tutto quello che abbiamo passato, l’affetto è sempre stato una costante solida, indiscussa, inamovibile. Contorto e perverso, ci siamo volute bene pur facendoci del male.
Giorni, mesi e talvolta anni senza parlare, per poi non riuscire a far a meno di riallacciare i rapporti. Per reale volontà, non per via del caso che non ci ha mai aiutato.
Sì, perché durante i periodi di silenzio, e pur abitando a qualche metro di distanza, non ci incontravamo mai.
Il tempo e il destino ci tenevano distanti, dandoci forse il tempo di guarire.

E dopo lei, tante altre hanno incrociato il mio cammino.
Amiche a cui ho voluto immensamente bene, ma che sono scivolate via.
Ricordo R., mia compagna di università e I., mia amica sui banchi di scuola.
Sono state importanti, ma ciò che facevo era sempre paragonare loro con M., la mia “sorella” mancata, forse.

Sono passati 2 decenni e io ed M. siamo ancora qui.
Lei in attesa di una pargoletta, io presa dai mille impegni lavorativi. Eppure, nonostante il caos della vita e le diverse scelte intraprese, ci siamo ritrovate e ci stiamo ritrovando.
I nostri rispettivi compagni complici in questo meraviglioso gioco.
E così le serate passano leggere, tra risate e racconti dei tempi andati. Un pizzico di nostalgia e malinconia riecheggia nei nostri racconti, ma siamo pronte a scriverne di nuovi. Con nuove consapevolezze e storie da raccontare.
Consce che la nostra, forse, è una di quelle amicizie che durerà per sempre, a dispetto di tutto.

a8010b257fef12f1c197f9dd5b705bce

Annunci

Un pensiero su “Di amiche ritrovate e nuove arrivate…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...