La bambina oltre il muro

Stanotte ho sognato, ma non sono certa se si trattasse di un sogno o un ricordo.
Ero bambina, e da bambina amavo giocare nel giardino di casa; molto spesso sola perché figlia unica.
All’epoca, il muro confinante con la proprietà adiacente era per metà in mattoni sormontato da una grata sulla quale cresceva una pianta di rosa rampicante di un bianco candido. Tutte le volte che rientravo in casa dai miei giochi, ci passavo proprio accanto e sentito quel profumo di petali che permeava l’aria.
Mio padre l’aveva regalata a mia madre quando si erano trasferiti. Un pegno d’amore che ha avuto una fine tragica, come la loro storia.
Questa parte del sogno è reale, il muro è ancora lì, così come la grata e il ricordo delle rose è impresso nella memoria.
Un giorno, un voce oltre quella coltre di bianco e verde, mi chiamò, chiedendomi se avessi visto il suo pallone. L’aveva perso ed era finito nel mio giardino.
Rilanciai la palla a quella voce di bambina oltre il muro, e da quel giorno iniziammo a parlare. Inizialmente, lei rappresentava solo un volto indistinto tra le spine, poi, nel sogno o nel ricordo, so di aver visto quel volto nella sua interezza. Non ne ho memoria, è come osservare una pagina con degli occhiali di un’altra persona. Tutto è sfocato.
Ricordo poi di aver giocato nel suo giardino, fatto merenda con lei a casa sua e poi, con la stessa velocità, sparire dalla mia vita così come ne era entrata.
Un litigio, uno screzio. O forse era solo un’amica immaginaria, scomparsa con la consapevolezza degli anni che passano.
Eppure stanotte, ho sentito di nuovo quel profumo di rose.
Quella pianta che i vicini ci hanno fatto sradicare perché li infastidiva.
E per qualche minuto sono tornata bambina, giù in quel giardino, a giocare da sola, sognando di non esserlo.

flowers_wall_vines_leaves_20775_3840x2160

Annunci

#3

Di quelle sere autunnali, mascherate d’inverno.
Di quelle strade vuote illuminate dalla luce dei lampioni.
Di quella sensazione totale di appartenere a qualcuno.
Di mani intrecciate sopra il cambio dell’automobile.
Di quel cercarsi e trovarsi nel freddo dell’abitacolo.
Di quell’amore che ti avvolge e ti riempie.
Di quella gioia che si fa strada dentro di te in punta di piedi.

img_0206

#2

Neanche lo sai quante volte sei stato con me, eppure non c’eri. Quante volte avrei voluto confidarti le mie paure, le mie gioie, i miei dolori. Quante volte ti ho maledetto per la tua assenza.
E adesso il tuo ricordo sono volute di fumo che compaiono con il freddo dell’inverno, quando il calore incontra il gelo. Inconsistente, incostante, incorporeo. E io sono finalmente libera.

Maschere

Nuove sensazioni. Un nuovo corpo, una nuova realtà e l’ombra dei vecchi ricordi e fantasmi che, ogni tanto, fa ancora capolino. 

Questa è la mia vita. Abitata da presenze che si fanno spazio nel mio quotidiano. Un nuovo volto da accarezzare, da sognare, da baciare. E tutto fa un po’ paura. È come venir accecati da una luce abbagliante e calda alla fine di un lungo e tortuoso percorso. Il calore mi fa rabbrividire, è una sensazione estranea dopo tanto gelo, e il riverbero del sole, del mio sole, mi fa lacrimare gli occhi che stentano ancora ad adattarsi alla nuova condizione, al nuovo giorno. Un giorno in cui le nubi temporalesche appaiono lontane. 

Le istantanee di ciò che è stato sbiadiscono, ma le porto con me. Perché non è possibile cancellare il passato con un colpo di spugna. Sarà sempre dentro di me, parte di me, ciò che ho fatto e i limiti che sono riuscita a superare, e la cocente sconfitta di non esser stata abbastanza. 

Tante prove da superare, tanti ostacoli da abbattere e una ritrovata, o forse nuova, consapevolezza. Che niente è eterno, che anche il dolore più inabilitante poi sfuma, che non si può forzare la mano al destino, che accettare di non avere “potere” è l’unico modo per andare avanti. 

E il giorno, abbagliante e tiepido, diventa poi notte. Fresca e silenziosa. Sopra di me un cielo terso cosparso di stelle lontane. La sua presenza calda e rassicurante che mi avvolge… E penso che, forse, stanotte, dopo mesi di incubi, sognerò. Sognerò di aver conquistato finalmente la mia libertà. 

Vorrei…

Vorrei svegliarmi, una mattina, e restare sorpresa, avere un motivo per essere felice. Di quella gioia sincera, che permea tutto l’essere. 

Vorrei andare a dormire, una sera, cullando dentro me quella gioia, quella certezza, unita alla stanchezza di una giornata di lavoro e magari rifugiarmi tra le braccia di qualcuno di speciale ed indispensabile. 

Vorrei…